Crocchette di amaranto al limone - Chefacademy

Crocchette di amaranto al limone

Crocchette di amaranto al limone

Descrizione


Pur essendo considerato un cereale dal punto di vista botanico, l’amaranto non lo è, in quanto non appartiene alla famiglia delle Graminacee ma a quella delle Amarantacee. E’ una pianta dalle origine antiche che simboleggia la sacralità dell’amicizia.  Dal sapore di nocciola gradevole, esso non contiene glutine ed è quindi utilizzabile per realizzare ricette per chi è intollerante ai cereali. È particolarmente ricco di apporti nutritivi: fibre, proteine e ferro.   Si utilizza in maniera ottimale per preparare zuppe, sformati dolci o salati, crocchette; associato ad altri cereali, si può aggiungere per diverse preparazioni: minestre, riso croccante, frumento, orzo e farro. Unito al miglio, si prepara invece una crema adatta per accompagnare verdure o legumi.

Preparazione


La prima operazione consiste nella cottura dell’amaranto. Va lavato in abbondante acqua corrente e bollito in un quantitativo di acqua pari a 3 volte quello dei chicchi per 30/40 minuti. Non mescolare e lasciare riposare 10 minuti dopo la cottura. Tostare quindi i grani in una padella antiaderente con un filo di olio. E’ assolutamente consigliabile, se si vuole arricchire la ricetta, bollirlo insieme ad altri cereali- orzo o riso- nella misura del 15-20%. Si procede poi col lessare la patata, pelarla e lasciarla raffreddare. Poi mettere l’amaranto in una boulle e amalgamarlo alla patata schiacciata, prezzemolo e pan grattato; tritare quindi la buccia di limone insieme al succo di mezzo limone e versarla nell’impasto. Aggiustare di sale e pepe, formando quindi delle crocchette. Si possono cuocere friggendole, ma è preferibile una cottura rapida in forno ( 15/20 min. a 210° – gli ingredienti usati sono già cotti ) per ottenere un prodotto croccante e, al tempo stesso, leggero e facilmente digeribile.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
mood_bad
  • Non ci sono ancora valutazioni
  • Valuta